» Social Network Brescia e Provincia

Blog Wordpress Brescia e Provincia

Il Blog di n3w Italia è nato per CONDIVIDERE, insieme ai clienti e agli utenti, delle informazioni utili e delle curiosità che il Web offre alle imprese che vogliono sfruttare Internet come strumento di Web Marketing.

Pinterest per il business aziendale: come fare marketing sfruttando le proprie immagini

mercoledì, gennaio 9th, 2013

Pinterest è un social network basato sulle immagini e sulla loro condivisione, il cui scopo è quello di connettere persone. Ogni utente può organizzare la propria pagina in board (lavagne virtuali) a cui è possibile dare nomi diversi creando una sorta di categorizzazione dei contenuti. Le immagini e i contenuti caricati nelle diverse board vengono chiamati Pin. Inserendo il pulsante “Pin it” su un sito web o direttamente nel bookmarks del browser, è possibile condividere ogni contenuto presente nelle pagine in cui si naviga semplicemente cliccando sul pulsante e scegliendo la board dove il Pin deve essere salvato.

Pinterest si può definire come la nuova moda della Rete, anche in Italia, dove dal secondo trimestre del 2012 anche i grandi brand italiani hanno fatto la loro comparsa. Nato del 2009, affermato negli Stati Uniti due anni fa ed esploso in Europa nel 2012, Pinterest ha dimostrato di non essere da meno rispetto agli altri social network, basti pensare che in pochissimo tempo è arrivato a superare Google+ in termini di utenza.

La scalata al successo di Pinterest ha catturato subito l’attenzione delle aziende che non potevano certo ignorare l’enorme bacino d’utenza in continua crescita che mette a disposizione e, grazie all’usabilità della piattaforma, sta diventando un canale promozionale sempre più appetibile. Visto il carattere prettamente visuale, questo social network è molto utilizzato da aziende che operano in settori dove l’immagine è centrale, dalla moda, alla fotografia, cinema, arte e design, fino ai marchi legati alla cosmetica. Un utilizzo originale del mezzo lo rende tuttavia un canale interessante anche per altri tipi di settori. Ma perché un’azienda dovrebbe utilizzare Pinterest per aumentare il proprio business? (altro…)

Tags: , , , ,

Come creare pagine aziendali sul social network Google +

giovedì, novembre 17th, 2011

Google ha lanciato da poco il suo nuovo social network chiamato Google + che tenta in qualche modo di combattere il monopolio di Facebook. Questo servizio può essere ben sfruttato dalle aziende, le quali si possono farsi conoscere sul Web non solo grazie a Facebook. Finora l’obiettivo di Google + è stato quello di mettere in contatto le persone tra loro, ma ora permette di stringere relazioni con tutto ciò che è importante, che si tratti del negozio sotto casa o di un brand internazionale.

Per iniziare bisogna avere già un account su Google +, poi basta andare su plus.google.com/pages/create e seguire le prime indicazioni per creare la pagina per aziende, associazioni, organizzazioni. Tra le novità vi è la possibilità di inserire in sequenza delle foto per arricchire il profilo, mentre i link sulla colonna di destra permettono di dare visibilità diretta a ciò che riteniamo utile. Inoltre, la descrizione permette di utilizzare lo stile sul font e i link ipertestuali.

Le principali differenze tra le pagine Google + e i classici profili utenti sono:

  • le pagine non possono aggiungere le persone ai Circles fino a quando la pagina non viene aggiunta dagli stessi. In questo modo si evita lo spam iniziale;
  • le pagine possono essere fatte per una varietà di diverse entità (non solo aziende), mentre i profili possono essere effettuate solo per le persone;
  • l’impostazione di privacy di default per gli elementi sulla pagina è pubblica;
  • le pagine hanno il pulsante +1;
  • le pagine non possono dare il +1 ad altre pagine, né ai contenuti della Rete;
  • pagine di non ricevono le notifiche via e-mail o nella barra di Google;
  • le pagine non possono creare “Hangouts” su un dispositivo mobile;
  • le pagine locali hanno campi speciali che aiutano le persone a trovare l’ubicazione fisica dell’organizzazione.

Google inoltre ha introdotto due sistemi per aggiungere le pagine alle cerchie direttamente dai risultati di ricerca. Il primo è attraverso l’inclusione delle pagine Google+ nei risultati di ricerca, il secondo attraverso una funzionalità chiamata “Collegamento diretto. Attraverso questa seconda funzione, basta andare su Google e digitare “+” seguito dalla pagina che volete cercare (ad esempio +Google). Sarete immediatamente collegati a quella pagina Google+ e, se lo volete, potrete aggiungerla automaticamente alle vostre cerchie.

Infine è fondamentale ricordare che chi crea la Pagina è l’unico depositario dei poteri di Amministratore: non funziona come le fan page di Facebook dove possono essere presenti più admin. La cancellazione del proprio profilo Google+ o la chiusura dell’account Google+, renderà la Pagina Google+ non più accessibile. Inoltre è possibile selezionare appropriate limitazioni nell’interfaccia utente delle Pagine Google+ per limitare l’interazione con le proprie Pagine Google+ da parte degli utenti, ma testo, immagini o altri contenuti pubblicati nelle Pagine Google+ devono rispettare le Norme relative ai contenuti e al comportamento degli utenti.

Tags: , , ,

Perchè le piccole aziende devono essere presenti su Facebook e usare Facebook Ads?

lunedì, giugno 27th, 2011

Perchè le imprese devono usare Facebook Ads Advertising Online

Cos’è Facebook Ads? Sempre più clienti e piccole aziende chiedono alle agenzie che si occupano di advertising online di effettuare delle campagne di promozione su Facebook. Con quasi 700 milioni di utenti, questo social network è ormai un colosso e le imprese non devono ignorare il potenziale valore di una così grande base di utenti. In una ricerca di mercato, è emerso che Facebook è la piattaforma numero uno per il display advertising negli Stati Uniti, e si prevede che genererà oltre 2 miliardi di dollari di entrate da nel 2011. Facebook è estremamente popolare, sia in termini di numero di utenti sia in quantità di tempo che vi trascorrono. Questa popolarità aumenterà anche ciò che gli inserzionisti pagheranno per gli annunci display.

Facebook Ads è totalmente diverso da Google AdWords. Per capirlo, bisogna partire dal presupposto che la gente utilizza Facebook per passare il tempo, condividere le proprie esperienze e raccontare le proprie storie. Gli utenti che utilizzano Facebook hanno una impostazione mentale diversa rispetto a quando usano i motori di ricerca. Gli utenti che utilizzano Facebook generalmente cercano gossip, notizie degli amici, conoscenti, foto e video, o ancora gruppi affini ai loro interessi. Ed è questo il punto di forza di Facebook Ads. Cerchiamo di capire il perchè. (altro…)

Tags: , , , , , ,

Ricerche di mercato su Facebook, Twitter e Youtube

lunedì, maggio 30th, 2011

Le ricerche di mercato nel campo dei Social Network sono un dato importantissimo per l’azienda che intende fare Web Marketing. Dato l’elevato numero di utilizzatori, sapere quali sono i siti web di social networking utilizzati dai vari tipi di utenti è un lavoro difficoltoso, impegnativo e dispendioso e le piccole aziende non se lo possono certo permettere. Per fortuna questi dati sono stati raccolti da un’importante agenzia di web analytics che aiuta i brand più importanti a misurare la loro base di utenti, raccogliendo un’enorme quantita di dati e li ha analizzati.

In particolare KissMetrics ha messo insieme un’infografica che si concentra sull’andamento demografico degli utenti dei social media in base al reddito, età, istruzione, carriera e genere. La società ha misurato la demografia delle due reti principali, Facebook e Twitter, nonché altri siti servizi Web 2.0 come MySpace, Digg e soprattutto YouTube. Un primo dato rilevante sta nel fatto che i Social Network sono usati più da donne che da uomini. Ma vi sono anche altri dati interessanti che le imprese devono tenere in considerazione se desiderano fare una mirata attività di Web Marketing. (altro…)

Tags: , , , , , , ,

Perchè essere su Quora è un vantaggio che le imprese devono sfruttare?

lunedì, aprile 11th, 2011

Quora è una piattaforma che utilizza il meccanismo delle domande e risposte (Q&A), puntando a diventare “un insieme in continuo miglioramento creato, curato ed organizzato dai suoi stessi utilizzatori. Quora è una specie di “accumulatore di conoscenze” e si basa sulle domande e risposte dei componenti della comunità sulle questioni di attualità. Può essere definito una Wikipedia in costante movimento che contare sul crowdsourcing e sull’approccio di Twitter e Facebook. Le aziende possono sfruttare questo servizio gratuito in modo molto vantaggioso. In questo articolo n3w Italia vi spiega come.

Configurandosi come social media delle “domande e risposte”, per molti versi simile a Yahoo Answers ma con l’aggiunta di logiche di condivisione e collaborazione sociale, Quora presenta un potenziale davvero altissimo in almeno tre diversi ambiti della gestione e condivisione della conoscenza: raccolta di stimoli e necessità della community, emersione e consolidamento di know how, knowledge e opinioni e organizzazione del sapere secondo sistemi di aggregazione tassonomici e dinamiche sociali. Perchè Quora può essere utile al tuo business e alla tua azienda? (altro…)

Tags: , , ,

Facebook vs Twitter: differenze che le aziende devono sapere

lunedì, marzo 21st, 2011

Molte imprese che vogliono investire sui social network per promuovere la proprio attività si pongono delle domande… in particolare si chiedono: è meglio investire su Facebook o su Twitter? Entrambi sono servizi tra i più usati nel mondo e offrono una base di potenziali clienti elevatissima. Ovviamente l’ideale sarebbe poter investire da entrembe le parti ma, se è necessario sceglierne uno per motivi aziendali o economici, è bene notare alcune differenze sostanziali tra Facebook e Twitter che è bene tenere in considerazione.

Innanzitutto è bene notare che non vi è un social network tra questi due migliore in assoluto, ma tutto dipende dall’obiettivo strategico aziendale da raggiungere. La differenza sostanziale sta nel contenuto, ossia tra un “tweet” e lo “stato“. Il contesto, e l’approccio a queste piattaforme sono molto diversi, e bisogna fare una distinzione importante. Su Facebook, l’obiettivo è l’interazione dell’utente, mentre su Twitter, è tutta una evangelizzazione della marca, con un valore molto alto dei retweet avendo a disposizione 140 caratteri. (altro…)

Tags: , , , , ,

I social network entrano nel business aziendale

giovedì, febbraio 10th, 2011

Il 2010 è stato l’anno di svolta nei social network non solo nella vita quotidiana delle persona, ma anche nelle aziende, entrando definitivamente a far parte nel mondo degli affari. Reti sociali come Facebook, Twitter e LinkedIn vengono usate come mezzo per fare business e sempre più imprese sono pronte a intensificare i propri sforzi sui social media, traendo il massimo da questa rivoluzione.

Una serie di indagini da parte di prestigiose società di ricerca e consulenza come Gartner e IDC, hanno indicato che i social media riusciranno nei prossimi anni a spadroneggiare nel mondo degli affari. Un’altra indagine fatta invece da Pulse sui Social Network, ha esaminato l’impatto dell’ apprendimento informale sul luogo di lavoro, mentre Cara Group indica che quasi tutti gli intervistati ritiene che i social media offrono importanti opportunità di apprendimento per la forza lavoro. La nota dolente però è data dai lavoratori, infatti è innegabile che la produttività sia ridotte negli uffici dove è disponibile l’accesso libero a Internet e a Facebook e Twitter in particolere. (altro…)

Tags: , , , , , , ,